Un centenario speciale per gli scout di Dueville
Un centenario speciale per gli scout di Dueville

Cento anni. Un tempo lungo e tondo, che scandisce una pienezza: sei arrivato a cento! C’è dentro la soddisfazione di un traguardo, ma anche la voglia di non fermarti e di ricominciare.

Un anniversario importante, che da voglia di rileggere la propria esperienza, di riguardare al cammino fatto e di rilanciare per ripartire con più entusiasmo.

Sono questi i sentimenti che hanno accompagnato i festeggiamenti per i cento anni di presenza dell’esperienza scout nella comunità di Dueville. Un’avventura iniziata nel giugno 2023 e che quest’anno è stata festeggiata dal gruppo Dueville 1 con una serie di iniziative e un grande campo estivo unitario di gruppo.

Lascio la parola ad alcuni amici del gruppo che presentano cosa abbiamo vissuto in questo anno, celebrando insieme questo importante compleanno!

                                  don  Nicolò Rodighiero

 

I cento anni dello scautsimo a Dueville sono stati festeggiati in tre momenti diversi.

Il primo è stato l’avvio delle celebrazioni: un sabato, dopo esserci riuniti, i nostri capi hanno cominciato a far scendere un grandissimo stendardo sul campanile. Piano piano abbiamo cominciato ad intravedere un’enorme scritta: “100 anni del Dueville 1 1923-2023”.

Nel secondo momento invece sono stati invitati tutti gli adulti della nostra comunità duevillese, scout e non, per un pomeriggio in cui sono stati proposti vari laboratori per confrontarci su cosa si potrebbe migliorare sotto diversi punti di vista l’attenzione educativa verso i giovani a Dueville: tecnologie, spazio di ascolto, ambiente, fede e cittadinanza attiva. è stata organizzata anche una mostra fotografica con vari ricordi di questi cento anni di scautismo a Dueville.

Il terzo momento è stato festeggiato svolgendo un tipo di campo diverso, il campo di gruppo.

Il Centenario per me è stato uno spunto per informarsi della storia degli scout ma soprattutto verso il mio gruppo scout del Dueville 1, è stato anche motivo di gioia per tutti noi per questo grande traguardo e di entusiasmo e anche novità per le attività che sono state svolte.

 (Michela, guida al secondo anno di Reparto)

 

Tempo di vacanze di Branco!! Tempo di cacciare e giocare tutti insieme!!

Il nostro campo si è svolto a Val Telvagola in mezzo a boschi fatati e creature dalla forza sovraumana!

I lupetti del branco Rupi Grigie quest’anno alle vacanze di branco hanno riposto una

particolare attenzione verso la lealtà e il rispetto delle regole nel gioco; per noi il gioco è fondamentale nella vita di branco, come potremmo mai farne senza?

Il vivere una settimana tutti insieme come un branco è difficile a volte e fa emergere le particolarità di ognuno, differenze da accogliere, come forza promotrice di fratellanza…

Abbiamo visto che a volte basta parlarsi tra fratellini e sorelline con gentilezza per risolvere le piccole difficoltà e poi via, subito pronti per un’altra caccia ben sapendo che la forza del lupo sta nel branco e la forza del branco sta in ogni lupo.

Per quanto riguarda i festeggiamenti per i 100 anni del nostro gruppo, abbiamo vissuto nel nostro stile dei grandi giochi insieme ai fratellini e sorelline più grandi della branca E/G ed R/S e c’è stata tanta curiosità da parte nostra verso di loro, verso chi fa cose un po’ diverse della solita giungla. Abbiamo anche capito che ognuno è importante, grande o piccolo che sia. Infine, affascinati da quanto grande sia la nostra famiglia scout, abbiamo potuto annusare ciò che ci aspetterà oltre la scalata alla grande Rupe, ma nel frattempo continuiamo a lasciare tracce sulla nostra pista!

Buona caccia!!!

(i vecchi lupi del Branco Lupi Grigie Dueville 1)

 

Quest’anno il campo E/G è stato anche campo di gruppo, in occasione del Centenario dello scautismo a Dueville: è stato un campo speciale, divertente ed emozionante! Abbiamo anche avuto la fortuna di poter vedere partire un nostro compagno al Jamborree in Corea del Sud (che purtroppo è finito prima a causa di un’emergenza meteo). I capi hanno reso questo campo di gruppo fantastico ed indimenticabile (come sempre).

(un esploratore del Reparto San Venanzio – Dueville 1)

 

Il nostro campo di clan è stato diviso in due parti. I primi giorni sono stati di campo di strada, durante i quali abbiamo svolto una route sulla catena del Lagorai. La nostra destinazione era la Val Malene, dove il resto del gruppo scoutistico ci stava aspettando per gli ultimi tre giorni di campo. Tra ardui sentieri, paesaggi incantevoli, ruscelli dove lavarsi, laghi dove fermarsi per ammirare il panorama, la route ci ha permesso di immergerci nella natura, di staccarci dalla nostra realtà della vita quotidiana, dal telefono e di farci dimenticare per cinque giorni il mondo di fuori. Abbiamo appreso il valore della condivisione, la bellezza di sudare e faticare per raggiungere la nostra tappa; a volte, la fatica si faceva sentire e la stanchezza iniziava a pesare, ma abbiamo imparato a mediare tra obiettivi e realtà concreta, fermandoci quando necessario e ascoltando tutte le esigenze del clan. Dopo aver passato forcella Magna, ci siamo ricongiunti con il Noviziato, il quale aveva svolto una propria route, e, insieme, abbiamo raggiunto il resto del gruppo. Le sfide, infatti, non terminavano con il campo di strada: raggiunte le altre branche, abbiamo saputo metterci a disposizione degli altri e aiutarli quando ce n’era bisogno. Il pomeriggio di giochi scout “sempre-verdi”, che ogni volta riescono a divertire, la messa con canti scout dove si respiravano i valori che ci animano e infine il cerchio di gioia vissuto con la leggerezza che ci caratterizza hanno saputo riassumere gli ideali che portiamo avanti, le nostre attività principali e le motivazioni per le quali molte persone, una volta entrate, rimangono scout per sempre.

(Rover e scolte del Dueville 1)